SEOW Italy 43-44

Di più
3 Anni 7 Mesi fa #10609 da SUP_Mannaia
SEOW Italy 43-44 è stato creato da SUP_Mannaia
Ho letto su IW che Coutzero & C. stanno pensando ad una nuova campagna in italia 43-44...
Pare interessante, no?
Domanda: su che mappa pensano di farla?

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 7 Mesi fa #10610 da SUP_Bigans
Risposta da SUP_Bigans al topic SEOW Italy 43-44
L'ennesima coltellata alla schiena...
Countzero sta facendo una Italy ridotta al 50%. Io gli ho dato la Med_map per lo sbarco in Sicilia...ma probabilmente l'hanno giudicata troppo grande e preferiscono per ragioni di tempo di gioco una mappa ridotta. Non ho parole...

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 6 Mesi fa #10612 da SUP_Mannaia
Risposta da SUP_Mannaia al topic SEOW Italy 43-44
Ci sono new sul sito dei VARP stasera vado a vedere con calma...

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 6 Mesi fa #10613 da SUP_Mannaia
Risposta da SUP_Mannaia al topic SEOW Italy 43-44
Io comincio a prendere la mano sui 205 in questi giorni... :P

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 6 Mesi fa #10614 da SUP_Bigans
Risposta da SUP_Bigans al topic SEOW Italy 43-44
Se non l'avete ancora fatto, segnatevi asse al seguente link:
2ndvarp.net/profile.php?do=editusergroups

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 6 Mesi fa #10615 da SUP_Bigans
Risposta da SUP_Bigans al topic SEOW Italy 43-44
Più che caccia Regia, trattandosi di un periodo post 8 settembre 1943 ed ante gennaio 1944, riprenderei la mano con i soliti tedeschi...per bloccare lo sbarco di Salerno.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 6 Mesi fa #10616 da SUP_Bigans
Risposta da SUP_Bigans al topic SEOW Italy 43-44
Come non scritto!
Se non ho capito male, la campagna è semi-storica: da quel che mi ha scritto Thor, ci darà, a noi Italiani l'onore di "combattere" anziché arrenderci l'8 settembre.
Nel periodo 8-9 settembre (missioni 1-7) noi pochi - con l'ausilio LW - dobbiamo combattere per:
1-eliminare le navi in avvicinamento per lo sbarco a Salerno (obiettivo impossibile ma comunque gratificante in termini di punteggio);
2-proteggere i ponti tra la Gotica e la Gustav per i nostri rifornimenti (i ponti potranno essere ricostruiti dagli ingegneri ma saranno conteggiati distrutti una sola volta, quindi è un finto obiettivo o comunque di natura tattica e non strategica);
3-a sbarco effettuato evitare le presa di almeno due città italiane (obiettivo impossibile, che determinerà il nostro transitare nelle file della LW)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 6 Mesi fa #10617 da SUP_Bigans
Risposta da SUP_Bigans al topic SEOW Italy 43-44
Sul terzo obiettivo ho posto una domanda sul sito Varp perché non è chiaro il ruolo Regia nel contesto semi-storico...circa le città da proteggere.

Credo bisognerà iniziare a prendere la mano con il Re2002, con i siluri o con le bombe potrebbe fare qualche bel danno al naviglio alleato.

Vedo già una formazione di 3 S.79 siluranti scortati a bassissima quota da 3 Re2002 armati di bomba, pronti ad attaccare i convogli ed in seguito a proteggere i primi!!! :evil:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 6 Mesi fa #10619 da SUP_Mannaia
Risposta da SUP_Mannaia al topic SEOW Italy 43-44
Non riesco più ad accedere al forum varp... Ho chiesto il reset della PW ma ancora nulla!!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 6 Mesi fa #10620 da SUP_Mannaia
Risposta da SUP_Mannaia al topic SEOW Italy 43-44
A proposito...

"UN GIORNO DELL'ESTATE DEL 1943

Ultimata la scuola di secondo periodo di pilotaggio, venni trasferito all'aeroporto di Lonate Pozzolo, agli Stuka. Vi giunsi il 16 giugno 1943 e il giorno successivo, dopo due voli dimostrativi con il «Cr.42», decollai con lo Stuka, il tuffatore tedesco,venendo conquistato a poco a poco da questo aeroplano. Feci un addestramento intensissimo, con lancio di bombe da esercitazione sul poligono e, dopo venti giorni, venni assegnato alla 237a squadriglia tuffatori distanza all'aeroporto di Ampugnano (Siena). Cominciavo ad avvicinarmi alla zona di combattimento e ne ero felice. Vi giunsi il 7 luglio, e il 10 mattina feci il passaggio sullo Junker 87 D3, detto "Dora" . Ero sceso da poco dal nuovo aereo quando giunse l'ordine in linea di volo di trasferimento della squadriglia a Gioia del Colle (Bari). Gli anglo-americani avevano iniziato, infatti, l'attacco alla Sicilia. La mia squadriglia faceva ora parte del 121° Gruppo tuffatori, al comando del Maggiore Orlandini.

Giorno 12 luglio 1943.

Il Maggiore Orlandini scelse cinque piloti oltre a se stesso; ricordo il Tenente Marcoccia, il Sottotenente Poggioli, il Maresciallo Galletti. Essendo disponibile un settimo apparecchio, mi offrii di partecipare all'azione di attacco al naviglio nemico che si trovava nella rada di Augusta. Venni accettato. Il comandante ci indicò la rotta, il metodo di attacco alle navi e alle ore 11.55 partimmo, diretti verso l'Etna per l'appuntamento con la caccia di scorta, che però non si vide. Lo spettacolo dell'isola siciliana, immersa in un mare verdastro, era meraviglioso e dalla quota di oltre quattromila metri si ammirava la costa verso Palermo e Catania e lo stretto di Messina, che si incuneava come un grande fiume fra le estreme propaggini della costa calabra e la zona di Capo Faro.Benché senza scorta, ci metteremmo in rotta verso Augusta. Pilotavo l'ultimo aereo della formazione, e mi beccai subito e in pieno l'attacco della caccia avversaria che proteggeva la flotta d'invasione, la quale stava mettendo in mare centinaia di zatteroni da sbarco. Virammo verso il centro della rada, e, seguendo la squadriglia, mi gettai in tuffo su una grossa nave mercantile, senza azionare i freni aerodinamici per rimanere il minor tempo possibile sul bersaglio. Tolsi la sicura alla bomba e alle mitragliatrici in caccia e mi misi a sparare sul ponte della nave, alla quale mi avvicinavo e che ingrandiva a vista d'occhio. Quelli di sotto sparavano come indiavolati con un tiro molto preciso, perché vedevo che i proiettili mi esplodevano intorno, e sempre alla mia quota. Traguardavo la nave al centro del collimatore e sparavo durante il tuffo a novanta gradi. Pensavo: questa non mi può sfuggire. Le vampe prodotto dalle mie mitragliere alari mi rincuoravano, dandomi un senso di protezione. A un certo momento sentii suonare la sirena; l'altimetro segnava duemila metri di quota, al di sotto dei quali si innalzavano i palloni frenati. Sganciai la bomba e iniziai la richiamata; avevo raggiunto nel tuffo una velocità di oltre cinquecento chilometri e mi parve di essere addirittura schiacciato dalla accelerazione di gravità. Sei «Spitfire» mi si misero alle costole, decisi a farmi fuori. Venni preso da una rabbia cieca, sentendomi tallonato come un ladro dai cani poliziotti. Un caccia mi attaccava dalla destra a non più di cento o duecento metri di distanza; scorsi il pilota quasi in viso; gli virai addosso e sparai. Non posso dire se lo colpii o no; l'inglese mi si gettò sotto e sparì nel gran vuoto che avevo sotto di me. Intanto, da dietro, mi sparavano e, oltre che sentirle, vedevo le raffiche avversarie colpire le ali; la carlinga dietro all'armiere, il timone, i piani di coda erano già ridotti peggio di un colabrodo. Ma lo «Stuka», apparecchio particolarmente robusto, volava ancora. Per cercar di evitare questo tiro al bersaglio, mi tuffai nuovamente, sino a una quota bassissima, sull'acqua, mentre il mio armiere, il bravo Rimoldi, rispondeva al fuoco nemico con le armi in torretta. Vedevo lontano il massiccio grigio-scuro dell'Etna, e puntavo verso nord, con l'intenzione di atterrare a Reggio Calabria. A un tratto sentii una raffica sulla testa; mi entrò in fusoliera attraverso la capottina e mi ruppe vari strumenti, ma il motore funzionava ancora, e io continuavo la corsa quasi disperata con gli occhi fissi al mare. Sentii la voce dell'armiere che, per mezzo dell'interfonico, mi avvertiva che le sue mitragliatrici si erano inceppate. Gli risposi di cercare di disincepparle al più presto, altrimenti ci avrebbero certamente fatto fuori. Vi riuscì, sentii sparare una raffica contro uno Spitfire che si era messo in coda troppo vicino. Si incendiò e con la maggiore velocità ci oltrepassò sulla destra, infilandosi in mare d'ala. Il nostro grido di gioia venne, però, subito stroncato da un colpo di cannoncino che, attraversando letteralmente il motore, colpì il circuito dell'olio e dell'acqua.Lasciavamo un fumo nerastro in coda; la pedaliera si mise a vibrare pazzamente, il motore a scoppiettare, i giri a diminuire. Era la fine del nostro magnifico apparecchio!
Vidi una fiammata sotto la manetta del gas, e un principio d'incendio sulle ali pericolosamente vicino ai serbatoi della benzina. Il mare, intanto, si avvicinava, e forse era la nostra sola salvezza, non essendovi più la quota disponibile per il lancio con il paracadute. Ordinai all'armiere di sganciare la capottina e di slacciarsi le bretelle. lo pure con la sola mano disponibile, cercai di fare altrettanto. La quota era di circa cento metri e planavo irrirnediabilmente sul mare. Impugnai la cloche con la mano sinistra, mi puntellai con la destra sul bordo anteriore della carlinga; l'acqua era lì, sganciai tirando la leva di comando alla pancia; sentii un violentissimo colpo all'occhio sinistro e mi trovai capottato sott'acqua dentro la carlinga.Il mare si tingeva di rosso per il sangue che mi sgorgava copioso dalle ferite all'occhio. Lottai disperatamente contro il salvagente che mi teneva a galla a testa in giù nell'interno della fusoliera e contemporaneamente avevo la pretesa di prestare soccorso al mio armiere, credendo che fosse rimasto intrappolato nella carlinga. Quando già stavo per rimanere senza aria, riuscii a liberarmi e con violenti colpi di tallone venni alla superficie. Il cielo era stupendamente azzurro, e il mare leggermente mosso. Feci appena in tempo a respirare profondamente e l'aeroplano, riempitosi di acqua, si inabissò producendo un gorgo di spuma con infinite bolle d'aria che continuarono a venire alla superficie. Mi sentii tirare per i piedi ma rimasi a galla; ora il salvagente era provvidenziale. A dieci metri circa di distanza da me, il mio armiere, con un solo graffio insignificante in fronte, stava armeggiando intorno al battellino pneumatico per aprirlo, battellino che era volato in mare insieme con lui nel momento della cappottata dell'aereo. Raggiunsi con alcune bracciate il battellino aperto e vi salimmo entrambi. Erano esattamente le ore 13.26, segnate dal mio cronometro, che si era fermato al contatto dell'acqua salata. Distanza dalla costa circa trenta chilometri ed eravamo vivi. Ci medicammo, fumammo, mangiammo qualche biscotto col cioccolato e a turno remammo per ore e ore. La costa si ingrandiva, ma rimanendo sempre lontana. Vedemmo delfini a branchi, navi e combattimenti aerei.Quando il cielo fu tutto nero per la notte vicina, ci raggiunse una motozattera tedesca che aveva visto un nostro razzo e ci prese a bordo. Il ponte ci sembrava estremamente solido, e l'accoglienza fu fraterna. Dopo tre giorni per viaggi in mare, autoambulanza e treno, raggiungemmo il nostro Gruppo che continuava a spostarsi di aeroporto in aeroporto. Qui l'accoglienza per noi due, considerati morti più che dispersi, fu calorosissima. Appresi che avevamo affondato un grosso mercantile di ottomila tonnellate, e che l'affondatore dovevo essere stato io perché il maresciallo Galletti che mi precedeva nel tuffo, e che aveva sganciato la bomba sugli zatteroni da sbarco, dichiarò che, dopo lo sgancio dei primi cinque, non aveva visto nessuna nave colpita. Mi venne poi concessa una Medaglia d'argento. Desidero ricordare alcuni nomi di giovani colleghi piloti per onorarne la memoria. Il Sottotenente Poggioli di Modena, abbattuto nella mia azione, e il Sottotenente Calzoni di Bologna, abbattuto fra altri nell'azione del 13 luglio."

Serg. Magg. Naccari

Su "Aeronautica" Settembre 1992
Ringraziano per il messaggio: SUP_Bigans, SUP_Astore

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 6 Mesi fa #10621 da SUP_Bigans
Risposta da SUP_Bigans al topic SEOW Italy 43-44
"16.) Italian Army surrender option
If, at any point of time Allied forces capture 2 cities ( Potenza, Salerno, Napoli, Bari, Avellino, Benevento, Foggia and Termoli ), Italian Army surrender will start. If
Salerno is one of those cities (default setting), Allies need to capture at least 4 of 5 CPs in Salerno landing zone." Regole aggiornate in .pdf disponibili sul sito VARP.

Questa la risposta di Thor. Praticamente dando per scontata la presa di Salerno, le altre sono a breve tiro e quindi la resa sicura entro poche missioni.

Ma le regole dicono anche che, le unità a nord della Gustav diventeranno RSI+ANR, mentre quelle a sud saranno del Regno d'Italia+ICAF. La Marina, come noto, si consegnerà interamente agli Alleati. Motivo in più per:
1-prendere posto nella sala di Comando;
2-trasferire le unità terrestri/aeree più a nord possibile;
3-disfarsi della Marina per arrecare il maggior danno e non affidarle agli Alleati!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 5 Mesi fa #10622 da SUP_Mannaia
Risposta da SUP_Mannaia al topic SEOW Italy 43-44
Bigan, mi puoi fare una cortesia, puoi contattare qualcuno del varp che non riesco a resettare la PW??
ciaaa

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 5 Mesi fa #10623 da SUP_Bigans
Risposta da SUP_Bigans al topic SEOW Italy 43-44
Fatto - vedi mail - ho spedito anche i dettagli sul planeset Regia e chiesto di aggiungere il Re2001, il Re2005 e D520. Speriamo...

Bisogna rifare la procedura sul sito Varp per segnarsi Asse (se l'avete già fatta) oppure affrettarsi, anche se io ho comunicato 6/8 piloti SUP.
Ringraziano per il messaggio: SUP_Mannaia

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 5 Mesi fa #10624 da SUP_Mannaia
Risposta da SUP_Mannaia al topic SEOW Italy 43-44
Ancora nulla... Mi farò un' altro account... :pinch:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 5 Mesi fa #10625 da SUP_Bigans
Risposta da SUP_Bigans al topic SEOW Italy 43-44
Mi ha scritto Thor di aver avvisato l'amministratore...

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 5 Mesi fa #10626 da SUP_Mannaia
Risposta da SUP_Mannaia al topic SEOW Italy 43-44
C' l'ho fatta! ho recuperato una vecchia PW e ho fatto il cambio dal loro link!
beh, una bella sicurezza!
Ringraziano per il messaggio: SUP_Bigans

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 5 Mesi fa - 3 Anni 5 Mesi fa #10627 da SUP_Aracno
Risposta da SUP_Aracno al topic SEOW Italy 43-44
Fatto domanda per Asse sul forum VARP, ci vediamo domenica per start up.
Ultima Modifica 3 Anni 5 Mesi fa da SUP_Aracno.
Ringraziano per il messaggio: SUP_Bigans

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 5 Mesi fa #10628 da SUP_Mannaia
Risposta da SUP_Mannaia al topic SEOW Italy 43-44
:evil:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 5 Mesi fa #10629 da SUP_Hunter
Risposta da SUP_Hunter al topic SEOW Italy 43-44
Pronto...

Motherboard Asus Rampage formula Intel Socket 775 Core™2 Quad/Core™2. Chipset: Intel X48. Processor : Intel Core2 Quad Q6600 2.40 Ghz overclocked to 3.30 Ghz. RAM : 4 Gb 800 Mhz DDR2. Storage : windows 7 in samsung 128 Gb SSD and 1.5 Tb whit 2 hard disks. Audio : SupremeFX II . Video card :...
Ringraziano per il messaggio: SUP_Bigans

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 5 Mesi fa #10638 da SUP_Astore
Risposta da SUP_Astore al topic SEOW Italy 43-44

SUP_Aracno ha scritto: Fatto domanda per Asse sul forum VARP, ci vediamo domenica per start up.



Chi non muore si rivede............... senti chi parla! :whistle: :laugh:

Bentornato Generalissimissimissimo ;)

P.S. Già chiesto anche il permesso di accesso al forum Axis, in attesa di attivazione.

Mai lasciar morire il fanciullo che è in noi
Ringraziano per il messaggio: SUP_Bigans, SUP_Mannaia

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: SUP_Bigans